Breaking News

Applicazioni: metodologie e tecnologie per svilupparle e mantenerle in salute

Un rapporto della società Cast traccia lo scenario sui trend globali che caratterizzano la qualità strutturale del software per applicazioni business, soffermandosi sull’analisi di cinque fattori determinanti che ne condizionano il risultato. La ricerca fornisce anche alcune valide linee guida per elevare il livello della qualità strutturale, attraverso il presidio di alcuni aspetti strategici, sia tecnologici, sia organizzativi


Leggi l'articolo completo su ZeroUno





Per tenere sotto controllo la qualità strutturale del software, e migliorarlo, è necessario:
porre maggior attenzione al tipo di tecnologia e applicazione utilizzate;
attenersi alle pratiche di codifica sicure adottando un approccio di security by design;
concentrarsi sulla maturità e sull’integrazione delle metodologie di sviluppo;
controllare costantemente le violazioni delle regole che possono mettere a rischio la qualità del codice sorgente;
far diventare le pratiche di miglioramento della qualità del codice processi metodici, reiterati con sistematicità.
Questi, in sintesi, i punti strategici da presidiare, così come risulta da una corposa indagine che ha avuto l’obiettivo di comprendere quali siano attualmente i trend globali sulla qualità strutturale del software e delle applicazioni IT sviluppate nel mondo. Da premettere che con l’espressione ‘qualità strutturale’ lo studio si riferisce soprattutto alla solidità di ingegnerizzazione dell’architettura e alla ‘sanità’ di codifica di un’applicazione, piuttosto che alla correttezza con cui vengono implementati i requisiti funzionali richiesti dall’utente. 


Crash Report 2017: i cinque fattori di qualità

La dettagliata ricerca è stata condotta da Cast, società di primo piano a livello globale nella fornitura di strumenti di analisi e misura del software, e si chiama Crash (Cast Research on Application Software Health) Report 2017: il rapporto si occupa di fare il punto sul livello di salute del software enterprise, misurando la sua qualità strutturale sulla base di alcuni benchmark e parametri di riferimento o, se si preferisce, di cinque ‘fattori di salute’ o caratteristiche fondamentali della qualità strutturale, che vengono identificate con robustezza, sicurezza, efficienza delle prestazioni, trasferibilità, modificabilità.

In sostanza, la qualità strutturale è misurata individuando le violazioni delle regole che rappresentano le buone pratiche architetturali e di sviluppo del codice in ciascuna di queste cinque aree nevralgiche. Vediamo quindi di definirle meglio.

Continua a leggere su ZeroUno

Nessun commento

Commenta questo post