mercoledì 21 ottobre 2015

TI: arrivano i ’super’ SoC AM57x Sitara



 Leggi l'articolo su elettronica-plus.it



La nuova gamma di processori Sitara AM57X di Texas Instruments integra una ricca varietà di componenti di elaborazione e gli utilizzi a cui è indirizzata spaziano in molte applicazioni industriali ed embedded – dai sistemi di visione, al controllo di sistemi avionici, al medical imaging – dove mira a portare prestazioni inedite e un sempre più estremo livello d’integrazione. Questi processori si caratterizzano per un’architettura eterogenea, in cui coesistono core ARM Cortex-A15, che soddisfano le necessità di elaborazione ad alte prestazioni; i DSP (digital signal processor) di TI della gamma C66x, per funzionalità analitiche e calcolo real-time; unità PRU (programmable real-time unit), core ARM Cortex-M4 per funzioni di controllo, oltre ad acceleratori grafici e video, per creare interfacce utente e applicazioni multimediali evolute.
A livello di controllo dell’energia, i processori AM57x sono alimentati dal circuito integrato di gestione della potenza TPS659037 di TI. La gamma di prodotti è già disponibile in volumi di campionatura, assieme a un modulo di valutazione (TMDXEVM5728), reperibile nel TI Store e presso i distributori autorizzati.
I processori della gamma AM57x Sitara, dichiara TI, forniscono prestazioni del 40% più elevate rispetto ai processori ARM Cortex-A9 quad core, e del 280% maggiori in confronto ai processori ARM Cortex-A9 dual core, che trovano attualmente ampia diffusione sul mercato.
Un vantaggio chiave per gli sviluppatori che scelgono questi prodotti è poter semplificare il progetto del sistema, utilizzando un unico chip anziché dover reperire diversi componenti di elaborazione per implementare le diverse funzioni. In particolare, i benefici si hanno nelle applicazioni IoT (Internet of Things), nell’automazione di fabbrica, nei computer embedded e negli utilizzi precedentemente menzionati.


(Pubblicato su Elettronica Plus del 19 ottobre 2015)


SHARE THIS

Author:

Independent writing and editing professional

0 Commenti:

Commenta questo post