mercoledì 26 novembre 2003

Quando lo storage diventa on demand

Computerworld Italia - mercoledì 26 Novembre 2003





Veritas presenta una serie di strumenti per gestire un più alto livello di operazioni



di Giorgio Fusari







LONDRA - È un business, quello dello storage, guidato da una duplice necessità: da un lato quella di andare incontro alle esigenze dei CEO e dei CFO di contenere i costi e di mantenersi in regola con le normative vigenti in materia di archiviazione e gestione dei dati; dall'altro quella di dover soddisfare le richieste dei CIO di dimostrare con chiarezza ai direttori finanziari i costi relativi all'implementazione e all'uso delle infrastrutture di memorizzazione. A queste considerazioni, che hanno introdotto l'annuncio da parte di Veritas di nuovi aggiornamenti nell'offerta di strumenti di gestione dello storage, il CEO Gary Bloom, in occasione di uno specifico evento svoltosi a Londra, ha aggiunto l'importanza di creare, secondo il modello dell'utility computing, servizi di memorizzazione più affidabili, a più basso costo, in grado di gestire la complessità degli ambienti eterogenei, servizi dotati di migliori prestazioni ed erogabili 'on demand' nei diversi dipartimenti aziendali.



Con l'obiettivo di rendere possibile questo scenario, Veritas ha rilasciato NetBackup 5.0, Data Lifecycle Manager 5.0 e CommandCentral Service 3.5.

La prima è una soluzione completa (end-to-end) per la protezione dei dati che supporta un'ampia varietà di piattaforme hardware e che tra le varie funzionalità fornisce un veloce ripristino dei dati critici dalle unità a disco o a nastro senza la necessità di creare backup completi. Con la funzione 'Advanced Client' questa nuova versione della soluzione mette a disposizione un'ampia serie di metodi di backup e ripristino delle informazioni fra cui un'impresa può scegliere quello più idoneo per rispondere alla propria situazione specifica.



La funzionalità 'FlashBackup' consente di effettuare un rapido e semplice backup e restore di un gran numero di file, mentre la 'Desktop and Laptop Option' permette di proteggere e sincronizzare anche i dati critici aziendali che risiedono sui pc da scrivania e sui portatili utilizzati dagli utenti.

Data Lifecycle Manager 5.0 si integra con NetBackup 5.0 per fornire capacità di ricerca e ripristino dei dati storici nel loro stato originale, compresi anche le e-mail o gli allegati di posta elettronica, in aderenza alle disposizioni di legge. Anche questo strumento supporta una notevole gamma di dispositivi di storage e non richiede l'aggiunta di nuovo hardware.



CommandCentral Service 3.5 è infine indirizzato agli amministratori delle infrastrutture di storage, che devono poter avere sempre sotto controllo la situzione aggiornata dell'utilizzo delle risorse per area geografica, tipo di applicazione e di piattaforma. In accordo con le necessità dei responsabili dei sistemi informativi di giustificare al management l'entità delle spese IT senza zone d'ombra, questa soluzione consente di controllare i livelli di servizio secondo una visione business per identificare le aree di rischio e trovare le soluzioni appropriate. Il sistema è inoltre in grado di effettuare un'allocazione dei centri di costo in funzione dell'uso, tramite report che mostrano in dettaglio quali utenti utilizzano determinate risorse IT.







NetBackup per l'infrastruttura IT di Sony

NetBackup è stato scelto da diverse aziende per fornire capacità di protezione dei dati ai propri sistemi informativi. Tra le implementazioni della soluzione di Veritas merita sicuramente un cenno quella effettuata da Sony, una realtà per la quale ogni singola decisione di produzione, marketing e vendita dipende a livello critico da una precisa accessibilità delle informazioni, che devono poter essere consultate in ogni momento della giornata. Per Sony, come del resto per molte altre organizzazioni, i dati devono essere disponibili in modalità istantanea, ininterrotta e nel formato corretto per la necessità di tutti gli utenti, che comprendono lo staff e il personale dell'azienda, ma anche i partner e i clienti. NetBackup ha messo i tecnici di Sony nelle condizioni di gestire tutti gli aspetti del backup e del recovery per gli ambienti Windows e AIX dell'azienda, assicurando l'instaurazione di politiche di backup conformi alle normative di legge.



Oltre ad automatizzare le procedure di backup, NetBackup ha consentito a Sony di instaurare anche un sistema di gestione più efficiente dei dispositivi di memorizzazione. Integrando la soluzione Storage Migrator con NetBackup, il colosso giapponese è in effetti riuscito a ridurre in modo significativo la mole di dati richiesta per eseguire il backup e il ripristino dei sistemi.

SHARE THIS

Author:

Independent writing and editing professional

0 Commenti:

Commenta questo post