martedì 11 ottobre 2011

Nell'era di "Outernet", Infor corre più veloce

Outernet è Internet che esce dal mondo virtuale, dal cyberspazio, per arrivare a operare nel mondo fisico. Prodotti, oggetti, auto, animali, piante, persone, e qualunque cosa dotata di un tag o dispositivo elettronico fa parte e comunica con la Rete. La "Internet of Things", l'Internet delle cose o degli oggetti, è sempre più realtà, fatta di tecnologie come la 'augmented reality' (AR), la 'context awareness', il cloud computing, il 'geotagging', i servizi e l'advertising location-based, gli algoritmi di 'face recognition', le 'mobile apps' e molto altro. Lo scenario di un futuro tecnologico già in parte presente, e argomento di importanti studi e dibattiti nel mondo, è dipinto da Thomas Bialas, ideatore del progetto Fmt (Future management tools) promosso e realizzato da Cfmt (Centro di formazione management del terziario).
Un contesto tecnologico in continua evoluzione che - non a caso nella cornice dell'autodromo di Monza - oggi Infor ha scelto per far comprendere a clienti e partner come si stanno trasformando i sistemi Erp (Enterprise resource planning) di ultima generazione. "Il concetto di velocità è imprescindibile nel business" dice Enza Fumarola, vicepresidente Erp Sales Emea Southern Region di Infor, e la velocità dell'informazione cresce con l'evoluzione tecnologica. Il nuovo paradigma in grado di sostenere la sfida del software enterprise nel mondo Erp, nella visione della società, è rappresentato da Infor10. Un sistema più snello, facile da usare e in grado di cambiare e rendere più veloce il modo di lavorare, in linea con le nuove esigenze di "consumerization" della tecnologia business che l'era di Outernet sta facendo emergere.

SHARE THIS

Author:

Independent writing and editing professional

0 Commenti:

Commenta questo post